Nuove Tecnologie Laser Per Il Trattamento Dell' Iperplasia Prostatica Benigna

TRATTAMENTO LASER TRANSPERENEALE DELL' IPERTROFIA PROSTATICA

 

  • TRATTAMENTI TRADIZIONALI

I trattamenti tradizionali possono essere sia medici (alfa bloccanti, inibitori della 5-alfa-reduttasi ecc.) che chirurgici (resezione endoscopica della prostata TURP, vari tipi di Laser ecc.).
Queste metodiche sono abbastanza impegnative, ma soprattutto presentano spesso effetti collaterali invalidanti, tra i quali i più comuni sono l’eiaculazione retrograda, l’impotenza, un risultato parziale e la recidiva.

 

  • TRATTAMENTO EMBOLIZZANTE

Attualmente esiste l’opportunità di eseguire un trattamento mini invasivo e pressoché privo di effetti collaterali.
Questa nuova metodica si chiama embolizzazione delle arterie prostatiche.
E’ una procedura di Radiologia Interventistica assai poco invasiva, che viene eseguita in circa 30 minuti.
L’embolizzazione si esegue accedendo al torrente vascolare arterioso mediante la puntura dell’arteria femorale all’inguine. Un piccolissimo catetere raggiunge in modo selettivo le arterie prostatiche, da ambo i lati. In questa fase vengono rilasciate microparticelle embolizzanti che provocano una riduzione del flusso ematico ed una rapida regressione del volume prostatico, cui consegue una permanente risoluzione dei sintomi.

laser_technologia_iperplasia.png

TRATTAMENTO ECOLASER DELL' IPETROFIA PROSTATICA BENIGNA

La terapia con ecolaser e' un trattamento innovativo ancora meno invasivo dell'embolizzazione, si tratta di una procedura che sfruttando l'energia del laser consente una sensibile riduzione del volume della prostata consentendo la liberazione del canale uretrale di processi compressivi che ostacolano il regolare flusso urinario con conseguente risoluzione dei sintomi ed un miglioramento della qualita' della vita del paziente.
Ecolaser e' un trattamento alternativo alla chirurgia e all'embolizzazione che ha il vantaggio della minor complessità e invasività con risultati migliori.
E' una tecnica ambulatoriale, che usa di laser a bassa potenza; la radiazione laser viene prodotta da fibre ottiche posizionate per via cutanea mediante aghi di piccolissimo calibro, inferiore al mm.
La parte di tessuto prostatico trattato viene riassorbita dalla prostata determinando la riduzione del suo volume e
la risoluzione permanente dei sintomi.
Questo intervento riduce, ancor di piu', le complicanze e soprattutto gli effetti collaterali delle altre terapie.